Serie C: ultima di campionato con il botto

Pallavolo Torino lezione di pallavolo:  vince 3 a 1 contro l’Altiora

Finisce con il botto il campionato di pallavolo serie C per Pallavolo Torino che ha la meglio sui rivali del Lago Maggiore che li precedevano in classifica e li sorpassano conquistando il quarto posto a stretto ridosso della zona play off.

È stata una bella partita, giocata dai PTboys nei primi 2 set in modo quasi perfetto, una lezione di pallavolo per i baldanzosi ragazzi di Verbania che erano venuti a Torino, memori della vittoria per 3 a 1 dell’andata, con il proposito di vincere in scioltezza, ma che sul campo hanno trovato i ragazzi di Ravera ancora non paghi di un finale di campionato che li ha visti quasi sempre protagonisti.

I PTboys scendono in campo con Alloatti al palleggio e Ferrero opposto, al centro Lella e Gancitano, in posto 4  Delnoce e Falcone, sostituito per lunghi tratti da Contini, libero Giuseppe Albanese. Nei primi 2 set non c’è stata partita: trascinati da uno strepitoso Ferrero e da un implacabile Delnoce in attacco, efficaci le schiacciate in pipe, ben orchestrati da Piero Alloatti che ha mandato in veloce dal centro sia Lella che Gancitano, i ragazzi di Ravera hanno letteralmente schiacciato gli atleti del Lago. Equilibrato il 3° set: quando ormai l’Altiora sembrava aver ceduto l’incontro c’è stata una reazione che ha approfittato del calo di Marco Ferrero e di alcuni errori gratuiti dei torinesi al servizio. Un finale punto a punto con i PTboys che dal 18 a 22 sembravano aver recuperato e invece soccombevano nel finale per 25 a 23. Il 4° set dopo una fase equilibrata vedeva i ragazzi di Ravera e Durantini riprender in mano il set e la partita. Ancora un esordio tra le fila dei PTboys: Michele Boccardo, omonimo di quel Michele Boccardo che negli anni sessanta correva in staffetta 4 x 100 con un certo “ Livio Berruti “

Pallavolo Torino > Altiora Verbania 3 a 1  ( 25-19, 25-12, 23-25, 25-18 )

Nelle prossime settimane il presidente Dino De Albertis, la dirigenza e lo staff si riuniranno per discutere come costruire su questa buona base una squadra ancor più competitiva.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su print
Condividi su email
Torna su